Tazze per bambini rilasciano sostanze pericolose: ecco quali evitare

Anche le tazze per i bambini non sono così sicure come credevamo. Alcune rilasciano sostanze pericolose ed è meglio evitarle. Ecco di quali si tratta…

Quando si è genitori, ma non solo, la preoccupazione più grande è sicuramente la salute dei bambini. Nessuno vorrebbe mai che la salute dei propri figli, o quella di qualunque altro piccolino, possa essere messa a rischio per qualche motivo.

tazze per bambini
(Pixabay)

Quando bisogna acquistare un oggetto o un accessorio da regalare o da far utilizzare ad un bimbo, la scelta il più delle volte ricade sulle tipologie ritenute più sicure. Allo stesso tempo però, per renderle piacevoli e pratiche, si cerca anche di scegliere un materiale che non risulti pericoloso.

È il caso, ad esempio, delle tazze per bambini. Quelle che si utilizzano di solito per fare colazione, per preparare zuppe calde o pappe per i neonati. Ne esistono di ogni genere e materiale, soprattutto al giorno d’oggi, e la maggior parte sono colorate o inerenti a qualche cartone animato particolare.

Bellissime da vedere all’esterno, pratiche, difficili da rompere, ma… quanto realmente sicure?

Lo studio effettuato sulle tazze per bambini

Il Danish Consumer Council Think Chemicalsun centro di analisi danese molto noto, ha effettuato alcuni test proprio sulle tazze per bambini. Hanno preso in analisi 8 tipologie di tazze differenti, realizzate tutte in melamina.

(Pixabay)

La ricerca aveva come finalità principale quella di riuscire a scoprire se questa tipologia di accessori rilasciasse o meno delle sostanze considerate pericolose per i più piccoli. Normalmente, secondo anche gli standard legislativi europei, le aziende produttrici sono tenute ad effettuare test di prova sui loro prodotti quando questi sono nuovi.

L’istituto danese, per avere una maggiore certezza sulla veridicità dei risultati ha invece deciso di effettuare le ricerche dopo aver lavato le tazze in lavastoviglie per ben 20 volte.

I tragici risultati del test

Per effettuare l’analisi, dopo aver lavato le tazze hanno versato al loro interno una bevanda calda poiché è proprio con il calore che si liberano più facilmente le sostanze tossiche. Dopodiché hanno esaminato i vari campioni, analizzandoli attentamente e valutando se questi avessero rilasciato della melamina o della formaldeide.

(Pixabay)

Purtroppo i risultati emersi non sono stati affatto positivi. Nello specifico, gli esperti hanno notato che tutte le tazze per bambini rilasciano formaldeide, una sostanza molto pericolosa per l’organismo umano.

La buona notizia è che i livelli di tossicità attestati rientravano nei limiti imposti dalla legge tuttavia, per 5 tazze l’esito è stato diverso. Queste ultime liberavano melamina in quantità superiore rispetto a quello consentito dall’ordine legislativo europeo.

A tal proposito, il Danish Consumer Council Think Chemicals ha dichiarato:

Quando si degradano, le sostanze indesiderate possono essere rilasciate. Si sospetta che la melamina sia cancerogena e danneggi i reni e la vescica. Si sospetta anche che la formaldeide sia cancerogena.

Il centro analisi ha poi concluso affermando che le tazze per bambini in melamina non sono davvero sicure per i più piccoli e che quindi è consigliabile optare per accessori realizzati in altri materiali.

Ad esempio prodotti fatti di acciaio inox, vetro oppure porcellana. Pur risultando meno resistenti e meno adatti per quella fascia di età, quantomeno non rilasciano sostanze tossiche per la salute.