SOS siccità in Italia | La pioggia non vuole arrivare

Grave allarme siccità in Italia. La pioggia sembra proprio non voler arrivare e nel frattempo le temperature continuano ad aumentare.

In questi ultimi mesi la situazione in Italia si è fatta ancora più critica. È stato lanciato un nuovo allarme. La scia negativa che ha colpito tutta la nostra nazione continua a peggiorare di giorno in giorno.

siccità
Siccità (Pixabay)

Da circa 40 giorni l’anno senza piogge, ora siamo passi ad oltre 150. Le temperature continuano ad aumentare inesorabilmente ed il rischio di siccità è sempre maggiore. La terra sta lanciando un vero e proprio SOS questa volta, una richiesta di aiuto forte e chiara.

I maggiori fiumi del centro-nord Italia, come ad esempio il Po o il Tevere, stanno soffrendo moltissimo. Invece, nel sud della nostra penisola, e anche sulle isole, la siccità sta causando danni ancora più gravi. Le zone aride sono in costante aumento e molte aree sono a rischio di desertificazione.

L’Associazione Nazionale dei Consorzi di bonifica (Anbi) ha inoltre divulgato dei dati altamente sconcertanti che riguardano gran parte della nazione italiana. A quanto pare Sicilia, Molise, Puglia, Basilicata, Sardegna, Marche, Emilia Romagna, Toscana, Umbria, Abruzzo e Campania sono i territori che presentano il più alto rischio di inaridimento dei suoli agricoli.

Allarme rosso a causa della siccità

Terreno arido (Getty)

Secondo le statistiche pubblicate dall’Anbi, in media circa il 55% dei terreni agricoli, o ex agricoli, distribuiti soprattutto nell’area meridionale dell’Italia sono ad oggi in pieno allarme rosso.

Basti pensare che, solamente nel 2021, la Sicilia ha dovuto affrontare un periodo di siccità davvero lunghissimo. È rimasta ben 140 giorni consecutivi senza vedere neanche una goccia di pioggia.

Il capo del Dipartimento della Protezione Civile, Fabrizio Curcio, durante un’intervista ha dichiarato che è necessario intervenire al più presto su:

previsione, prevenzione e gestione dell’emergenza acqua implementando i sistemi di approvvigionamento idrico. Bisogna basarsi su una combinazione di interventi infrastrutturali nel medio/lungo termine“.

Quali sono le soluzioni al problema

Terreno agricolo (Pixabay)

Esistono delle soluzioni e sono davvero molti gli interventi che si potrebbero attuare per riuscire a risolvere questa problematica.

Si potrebbero realizzare degli invasi, distribuiti capillarmente sull’intero territorio italiano, da sfruttare per un migliore apporto idrico. Inoltre, si potrebbe pensare di recuperare e trattare le acque reflue.

Ma ci sono anche moltissime altre azioni da poter mettere in atto, anche più innovative e funzionali. Il problema, purtroppo, è che si tratta di tecnologie ancora poco conosciute o usate in Italia.

Tuttavia, una delle problematiche più urgenti a cui bisogna necessariamente porre rimedio in fretta, è sicuramente quella che riguarda le perdite di rete del nostro sistema idrico.