Prodotti per la pulizia: come difendersi dalla “Sindrome della casa malata”

Hai mai sentito parlare della “sindrome della casa malata”? Temperatura, ventilazione ed utilizzo di prodotti chimici sono tra le cause di questi disturbi, ma esistono anche efficaci alternative naturali per prevenirla e combatterla.

mal di testa
Il mal di testa può essere uno dei sintomi della “Sindrome della casa malata”, riconosciuta negli anni ’80 dall’OMS (Foto di Andrea Piacquadio da Pexels)

La cosiddetta “Sindrome della casa/edificio malato (SBS – Sick Building Syndrome) è una sintomatologia sconosciuta ai più ma riconosciuta dall’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) che colpisce le persone che stanno molte ore in uffici o abitazioni privi di una corretta ventilazione e/o temperatura, e finiscono per inalare quantità di sostanze dannose come muffe, polveri, ozono e altri composti organici volatili. Differenti ricerche hanno ad esempio dimostrato una correlazione tra le comuni allergie e le persone residenti in queste case. 

Per evitare l’insorgere di questo disturbo è necessario controllare alcuni fattori che riguardano non solo utilizzo dell’ambiente, come per l’appunto la ventilazione e la temperatura, ma anche i prodotti utilizzati per la pulizia degli ambienti.

Come evitare la sindrome della casa malata?

Tenere ventilate tutte le stanze aiuta ad evitare di respirare polveri o altri corpi microscopici che causano allergie. La corretta pulizia dell’impianto di ventilazione ѐ quindi molto importante. Infatti nei filtri di ventilazione si possono raccogliere melme e altre polveri che finiscono per ‘contaminare’ l’aria forzata nella stanza.

LEGGI ANCHE >>> La crema solare fa male? La verità in uno studio

Inoltre tenere sotto controllo l’umidita ѐ cruciale: se la stanza ѐ  troppo secca si rischiano irritazioni, quando troppo umida, invece, possono comparire muffe. Eventualmente, in caso di presenza di muffe ѐ suggerita una rimozione sicura da parte esperti.

Ma un altro fattore è fortemente determinate e causa di questa sindrome e dei suoi fastidiosi effetti (irritazioni della pelle e delle mucose, mal di testa, nausea, la difficoltà a concentrarsi e la stanchezza) ed è l’utilizzo dei prodotti chimici per la pulizia.

prodotti per la pulizia di casa
Prodotti chimici, ventilazione, temperatura le maggiori cause della Sindrome della casa malata (La Sindrome della casa malata è riconosciuta dall’OMS e può dipendere da diversi fattori (Foto di Anna Shvets da Pexels)

Ridurre notevolmente la quantità di sostanze chimiche e solventi usati nella pulizia delle abitazioni aiuta non poco a rendere “sana” il luogo in cui viviamo o trascorriamo il nostro tempo. Certo non è facile cambiare abitudini ma si può assolutamente trovare un nuovo approccio più sano ed anche (spesso) meno dispendioso. Per aiutarvi in questo vi proponiamo quindi alcune alternative e soluzioni naturali per pulire il vostro ‘nido’ evitando prodotti dannosi per la pelle, le vie respiratorie e gli occhi.

Le alternative “Green” per la pulizia della casa

Eccovi quindi alcune valide alternative su come pulire, lucidare oggetti e superfici grazie ad ingredienti naturali e di largo consumo, facilmente reperibili e soprattutto che non contengono additivi o sostanze chimiche che favoriscono il “malessere” nostro e della nostra casa o ufficio.

1. Acciaio inossidabile

I detergenti naturali sono preferibili per la pulizia dell’acciaio perché candeggianti e detergenti abrasivi possono causare danni visibili. Si possono trattare le macchie difficili con una pasta di bicarbonato di sodio e acqua. Mantieni le tue superfici senza striature lucidandole con olio d’oliva con un panno morbido.

2. Metallo

Puoi far brillare il metallo trattandolo con una pasta di sale e succo di limone. Applicala su rame, ottone o acciaio con un vecchio spazzolino da denti per rimuovere agilmente l’appannamento e la ruggine.

pulizia naturale con bicarbonato
Il bicarbonato è un valido alleato per la pulizia naturale della casa (Foto di Azzaryiatul Amar da Pixabay )

3. Lucidare mobili in legno

Con due semplici prodotti da cucina si può dare un nuovo look ai vecchi mobili in legno: un composto di olio di oliva ed acqua (2:1) lo faranno brillare. Anche l’olio di cocco su un panno in microfibra darà una nuova vita ai vostri mobili in legno.

4. Lucidare posate

Per rimuovere la ruggine è sufficiente usare un composto di bicarbonato di sodio e acqua (3:1) e risciacquare e asciugare bene le posate. Per lucidarle basta passarle con aceto di vino bianco con un panno morbido. Questo piccolo accorgimento le terrà anche ben disinfettate.

5. Rinfrescare i tappeti

Il bicarbonato di sodio è un ottimo modo per pulire e deodorare i tappeti. Spruzzane un po’ sui tappeti prima di passare l’aspirapolvere. Per assorbire gli oli sul tappeto si consiglia l’utilizzo dell’amido di mais.

6. Macchie nella vasca da bagno

Le macchie di acqua calcarea si possono eliminare mettendo un tovagliolo di carta imbevuto di aceto sulla zona interessata. Si lasci riposare per un massimo di due ore, poi strofinate con una pasta di bicarbonato di sodio e spruzzate con una soluzione di aceto e acqua.

ingredienti naturali per la pulizia
Limone, aceto, ed oli essenziali sono validi ingredienti per pulire e profumare la casa (Foto di Seksak Kerdkanno da Pixabay )

7. Anelli d’acqua

In caso di macchie circolari causate da bicchieri posti direttamente sulle superfici, si consiglia una miscela di sale ed olio di oliva.

8. Lavandino otturato

Per risolvere uno scarico intasato, provate a versare un quarto di bicchiere di bicarbonato di sodio, seguita dalla stessa quantità di aceto. La reazione chimica causerà una forte schiuma pulente. Risciacquare con acqua calda dopo alcuni minuti.

9. Padelle con fondo bruciato

Per rimuovere con facilità le parti bruciate nelle padelle basta distribuire su di esse del bicarbonato e spruzzarle con aceto una volta fredde. Dopo qualche minuto i residui dovrebbero staccarsi facilmente dal fondo con una pagliuzza. 

10. Microonde incrostato

Fai sciogliere il cibo cotto nel microonde facendo bollire due tazze d’acqua e il succo e le bucce di due limoni in una ciotola idonea. Lasciate riposare per 10 minuti per permettere al vapore di penetrare i resti di grasso. Completate la pulizia con normale acqua e sapone.

11. Disinfettare ed eliminare gli odori dalla lavastoviglie

lavastoviglie
Per rimuovere gli odori dalla lavastoviglie si possono usare rimedi naturali (Foto di Manfred Richter da Pixabay )

Una lavastoviglie che emana un odore forte può essere particolarmente sgradevole. Elimina gli odori e la sporcizia bloccata all’interno dell’apparecchio ponendo una ciotola di aceto bianco sul ripiano superiore della lavastoviglie vuota. Fai partire un ciclo di pulizia ordinario e una volta terminato, lascia la lavastoviglie aperta per farla asciugare completamente. 

12. Pulizia del water

Per pulire e profumare a fondo il WC, basta mischiare un composto di bicarbonato con un olio essenziale a piacere in una ciotola. Ponete un cucchiaio del mix nella tazza del water e spargete con la spazzola apposta tutt’intorno.  Poi, versate mezzo bicchiere di aceto distillato sulla miscela di bicarbonato. Lasciate che l’intruglio diventi effervescente per poi strofinate le macchie con lo stesso spazzolino da bagno. Lasciate riposare il detergente rimanente per 15 minuti e poi tirate lo sciacquone. 

13. Vetro del caminetto

Per pulire in modo efficace il vetro del caminetto, si consiglia di cospargere la carta di giornale con la cenere e sfregare bene il vetro annerito (qui l’unico olio necessario è l’olio di gomito!). Dopodiché è necessario risciacquare abbondantemente con acqua.

Impostazioni privacy