Pericolo per il Mar Mediterraneo: presto non sarà più come lo conosciamo ora

Il Mar Mediterraneo si sta trasformando, e purtroppo non in modo positivo. Presto non sarà più come lo conosciamo oggi.

Al giorno d’oggi conosciamo benissimo il problema che sta letteralmente devastando il Pianeta. Il riscaldamento globale è una vera piaga e purtroppo ormai siamo anche ben consapevoli che la causa di questa crisi climatica siamo proprio noi umani.

Mar Mediterraneo
(Pixabay)

Con i nostri comportamenti sempre più sconsiderati abbiamo lentamente portato la Terra alla distruzione e ad oggi questo processo si è intensificato a tal punto che gli esperti ci hanno avvisato che non resta più molto tempo.

Tra le varie problematiche che ogni giorno gli scienziati si ritrovano ad affrontare, sempre con la speranza di riuscire a trovare una soluzione, ce n’è una che sta aumentando ogni anno sempre di più.

Tornando indietro con la memoria possiamo ricordare i nostri mari come ampie distese di acqua limpida, nelle quali vedere delle meduse soprattutto lungo le coste era un avvenimento non propriamente consono. La loro presenza nelle nostre acque è una questione naturale ma prima del 2000 la loro presenza era molto ridotta.

Ora la situazione è molto cambiata e si sta verificando sempre maggiormente un fenomeno chiamato “bloom che si riferisce ad una improvvisa fioritura di meduse. Organismi che stanno allarmando parecchio i ricercatori ed anche i cittadini.

L’allarme lanciato per il Mar Mediterraneo

Il forte aumento delle meduse è un segno negativo purtroppo e i ricercatori hanno segnalato più volte un incremento notevole del fenomeno bloom. Il pericolo più grande è quello di vedere il Mar Mediterraneo trasformarsi da un ecosistema ricolmo di pesci ad una distesa di gelatina.

(Pixabay)

L’enorme presenza di medusa potrebbe creare dei notevoli squilibri all’interno della catena alimentare e danneggiare l’intero ecosistema marino. Ma quali sono le cause che stanno generando tutto ciò?

1) Cambiamento climatico

Il cambiamento climatico è sicuramente uno dei primi fattori responsabili del fenomeno bloom. In particolar modo il riscaldamento dei mari è una delle problematiche più grandi.

2) Sovrapesca

La sovrapesca è un grande dilemma per il Mar Mediterraneo poiché compromette irrimediabilmente l’intero ecosistema. Inoltre, a causa delle continue emissioni di Co2 stiamo rendendo l’ambiente perfetto per la continua procreazione delle meduse.

(Pixabay)

3) Costruzioni lungo la costa

Le meduse sono organismi particolari che non vivono la loro esistenza sempre nello stesso stato, e cioè quello in cui noi le conosciamo e le vediamo nuotare. La forma gelatinosa è quella che assumo durante lo stadio di riproduzione. Prima di allora si presentano sotto forma di piccoli polipi, quasi invisibili ad occhio inesperto, e per vivere hanno bisogno di attaccarsi a qualcosa.

Continuando a sfruttare le coste, aumentando giorno dopo giorno le costruzioni umane, non facciamo altro che creare l’ambiente ideale per la loro procreazione.