Del melone non si butta via nulla: anche i semi sono una risorsa

Sapete che, oltre a mangiarlo, il melone può fare di più, ma molto di più per voi? Anche i suoi semi, infatti, possono essere degli ottimi alleati per la nostra salute. Basta solo saperli usare al meglio. Se non sapete come, allora siete proprio nel posto giusto. Continuate a leggere per scoprire tutte le risorse di uno dei frutti estivi per eccellenza.

Se avete sempre buttato i semi del melone, ho una brutta notizia per voi. Sono ricchi, infatti, di proprietà benefiche, proprio come il melone stesso. Abbiamo scoperto solo qualche giorno fa, come questo frutto estivo sia davvero efficace contro il fastidiosissimo gonfiore addominale.

Melone
Fonte: Canva

Malgrado sia più propriamente una verdura, il melone è composto dal 90% di acqua, ottimo per stimolare la diuresi eliminando tutti i liquidi superflui. Ma attenzione, evitate la classica accoppiata – strana – col prosciutto crudo, in quel caso non fareste solo che peggiorare il gonfiore addominale.

Nel caso in cui invece lo consumiate da solo, sapevate che anche i suoi semi sono commestibili? Basta solo pulirli per bene, eliminando con l’acqua i filamenti che ricoprono i semi. Se poi vi va, potreste provare qualche ricetta sfiziosa, come i semi di melone tostati, oppure potreste usarli per condire le vostre insalate. Insomma, del melone non si butta via nulla. Non ci resta che scoprire ora tutte le risorse di uno dei frutti estivi per eccellenza.

Tutti i benefici dei semi del melone

I semi del melone sono un vero e proprio concentrato di benefici per il nostro organismo. Sono composti – in buona parte – da proteine, come acido glutammico, arginina e triptofano e da composti bioattivi come acidi fenolici, flavonoidi e tocoferolo. Si tratta, insomma, di un’alternativa valida all’assunzione di amminoacidi essenziali.

Semi di melone
Fonte: Canva

Parlando ora delle proteine, l’acido glutammico, ad esempio, migliora la funzionalità del nostro intestino, nonché il sistema immunitario. Per quanto riguarda l’arginina, invece, questa contribuirebbe e contrasterebbe il grasso corporeo, aumentando di contro la massa muscolare. Ma non solo. Mangiare i semi del melone significa anche assumere acidi fenolici – come il galico ed il vanillico – che vantano straordinarie proprietà antinfiammatorie, antimutageni e antitumorali.

Benefici
Fonte: Canva

Mentre il resto delle sostanze garantisce importanti benefici antiossidanti, in grado di contrastare lo stress ossidativo. Proprio per questo, consumare regolarmente i semi di melone, garantisce al nostro organismo una naturale prevenzione antiossidante contro malattie cardiovascolari e tumori di diversa natura. Insomma, se state per mangiare un pezzo di melone, ora sapete bene cosa fare coi semi che sono tutto, fuorché uno scarto.