Lo stato ti regala acqua potabile: arriva il super Bonus che mai ci saremmo aspettati

L’acqua del tuo lavandino ha un sapore strano o pensi che non sia potabile? Sai che c’è un bonus che ti permette di installare un filtro al rubinetto?

In diverse zone d’Italia, l’acqua sta diventando un vero e proprio problema. Oltre a dover affrontare la questione della siccità, in particolare durante il periodo estivo, c’è quella legata al sapore. Molti cittadini, da nord a sud, denunciano uno strano sapore, quasi amaro, dell’acqua del rubinetto. Nella quasi totalità dei casi, analizzando quell’acqua presso un laboratorio, si scopre che non è potabile o che non è filtrata correttamente.

Bonus idrico copertina
Foto: Canva

Queste mancanze potrebbero causare diversi problemi alla salute dei cittadini. Basti pensare alla presenza di calcare dell’acqua e alle conseguenze che potrebbe avere per chi soffre di calcoli renali. Qual è l’alternativa? Molti cittadini sono costretti a recarsi al supermercato per acquistare l’acqua minerale in bottiglia, gravando parecchio sulle spese familiari. Pur seguendo le offerte presenti sui volantini, si spendono diverse decine di euro al mese per dissetare tutta la famiglia.

E allora qual è la soluzione? Esiste un rimedio pratico e poco costoso ed è l’installazione di un filtro. Attraverso il filtro, le sostanze dannose dell’acqua non arriveranno nel tuo bicchiere ma saranno escluse ed eliminate. Adesso ci sono anche degli incentivi per installare dei filtri. Ecco come fare ad installare un filtro per il rubinetto. Ne gioverà il tuo organismo e anche la tua tasca.

Bonus filtro al rubinetto: ecco chi può ottenerlo e come

Installare un filtro al tuo rubinetto ti consentirebbe di aumentare la qualità dell’acqua che bevi e non solo. Evitando di acquistare l’acqua minerale al supermercato, ridurrai il consumo di plastica, facendo un grosso favore all’ambiente. In più, risparmieresti davvero tanti soldi. Adesso c’è un bonus che ti permette di ottenere fino al 50% di rimborso sulla spesa dell’installazione del filtro.

Acqua
Foto: Canva

Il bonus idrico può ridurre le spese Irpef nella dichiarazione dei redditi o compensare l’Imu. Questo incentivo è previsto qualora decidessi di installare un impianto per il filtraggio, il raffreddamento, la mineralizzazione e l’aggiunta di anidride carbonica alimentare E290. Questo sistema renderà la tua acqua più salutare, pulita, sana e gradevole, permettendoti di scegliere se bere acqua liscia o gasata.

Può richiedere l’agevolazione sia la persona fisica che quella giuridica per un importo massimo di 1.000 euro. L’importante è che la spesa resti tracciata e che venga rilasciata la fattura. La richiesta dovrà essere effettuata tra il 1° gennaio ed il 28 febbraio del prossimo anno e andrà direttamente nella dichiarazione dei redditi. Nel 2021, a causa delle numerose richieste, lo Stato ha riconosciuto un credito medio del 30% sulla spesa totale. La richiesta potrà essere effettuata da un consulente finanziario o da un Caf di fiducia.