L’Universo “black” di Ekow Nimako, un vero artista dei Lego

L’artista Ekow Nimako realizza sculture molto particolari utilizzando i mattoncini Lego. Ecco perché ha scelto di creare un vero e proprio Universo “black”.

Grazie all’avvento del web, sono sempre di più gli artisti emergenti che hanno la possibilità di mostrare le proprie opere al pubblico di tutto il mondo. Persone che riescono a creare qualcosa di straordinario, anche solo a partire da piccoli mattoncini che tutti noi conosciamo molto bene.

artista lego
Artista dei Lego (foto: ekownimako.com)

E’ proprio questo il caso di Ekow Nimako: 42 anni, vive in Canada ma è originario del Ghana. Un artista molto particolare, che ha scelto di utilizzare appunto i pezzi di Lego per realizzare opere uniche e che racchiudono un messaggio sociale.

Si tratta di costruzioni fatte interamente con mattoncini di colore nero: i più diffusi in commercio e quindi i più semplici da reperire per le sue opere. Un colore che è in grado, inoltre, di creare infinite sfumature e di conferire diverse connotazioni alle sue sculture.

LEGGI ANCHE >>> Il fotografo Jonk immortala dei soggetti sorprendenti nelle sue foto

Ekow ha iniziato a lavorare con i mattoncini Lego nel 2012, ma la possibilità di costruirsi una carriera grazie alle sue opere è arrivata nel 2014. In quell’anno, infatti, ha ottenuto una borsa di studio che gli ha permesso di mostrare il suo lavoro in occasione del Black History Month.

L’artista dei Lego realizza opere nere

artista lego
Flowe Girl, di Ekow Nimako (foto: ekownimako.com)

La scelta di utilizzare il colore nero è dovuta a un messaggio sociale che Ekow vuole comunicare con le sue creazioni, oltre che alla facilità di reperimento dei mattoncini e alla bellezza del colore in sé.

Secondo quanto dichiarato dall’artista alla CNN, infatti, la ragione più importante per cui realizza opere nere è che “nonostante le loro caratteristiche o cosa deciderò di farci, saranno sempre viste come opere Black“.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Ella, la bambina di 9 anni morta per inquinamento | Un’opera in suo onore

Black, quindi, come simbolo della lotta che ancora oggi le persone di colore sono costrette a combattere in fin troppe parti del mondo. L’artista dei Lego spera così in un futuro più inclusivo, che riconosca la storia del razzismo contro gli Afro e il ruolo di quello che chiama Afrofuturismo per creare un mondo migliore.

artista lego
Ekow Nimako con una delle sue opere (foto: ekownimako.com)

La prima opera di Ekow a diventare famosa in tutto il mondo fu “Flower Girl“. Si tratta di una scultura che rappresenta una bambina: simbolo dell’innocenza perduta dalle giovani ragazze di colore, vittime della tratta degli schiavi.

Una serie molto nota dell’artista è altresì “Building Black: Civilizations“, dove Ekow ripercorre racconti dell’epoca medievale nella zona dell’Africa Subsahariana proiettandoli però 1.000 anni nel futuro. In una delle sue opere, in particolare, riproduce la città capitale di un regno medievale del Ghana.