Botti di Capodanno: come evitare che gli animali finiscano in tragedia

I botti di capodanno si avvicinano e come ogni anno, ci si chiede quali sono le azioni che si possono compiere per proteggere gli animali. Che siano selvatici o domestici, il frastuono dei fuochi d’artificio crea ovunque disagi e morte.

In vista della notte di capodanno si ripresenta, puntuale, la problematica legata ai botti della mezzanotte. Ogni anno ci dovrebbe essere un controllo, in difesa degli animali che muoiono a centinaia, ma ciclicamente il problema si ripropone.

Uccelli morti Roma interna
La strage di uccelli morti a Roma a causa dei botti di Capodanno nel 2020 (Foto: rainews.it)

Intenti a festeggiare un anno che finisce le persone non si ricordano, o probabilmente non sono interessate, ai danni che i grandi e improvvisi rumori notturni provocano alla fauna selvatica. Ma non solo, anche gli animali domestici ne risentono.

I Comuni di mezza Italia ogni anno pongono divieti che, di fatto, non vengono rispettati da nessuno. Non parliamo delle classiche miccette che i bambini fanno scoppiare in sicurezza, ma di veri e propri botti che fanno diventare le città zone di guerra.

LEGGI ANCHE >>> Ecco chi è il grande assassino di tutti gli uccelli marini

Lo scorso anno a Roma, in pieno centro, ci fu un’enorme moria di uccelli. I poveri animali, spaventati da frastuono e luci, si sono alzati contemporaneamente dai loro dormitori, alberi e sottotetti, perdendo l’orientamento e vagando nel buio.

Questo li ha portati a sbattere gli uni contro gli altri, cadendo poi sulle strade, sbattendo sui muri dei palazzi o sui fili elettrici. Senza contare quelli morti per infarto. Fu una strage, all’epoca fortemente documentata da foto e video dei cittadini increduli.

Come proteggere gli animali di casa dai botti di capodanno

cane paura interna
Come aiutare i nostri amici a star meglio nella notte più rumorosa dell’anno (fonte pixabay)

Se la fauna selvatica, soprattutto l’avifauna, è la parte sicuramente più colpita dal fenomeno dei fuochi d’artificio, anche gli animali domestici ne risentono tantissimo. Vediamo quindi come poter alleviare le loro sofferenze nella notte più rumorosa dell’anno.

La prima cosa da fare è quella di tenerli dentro casa. Il rumore e le luci, che arrivano in modo confuso, è per loro fonte di stress e di paura, una cosa alla quale per loro è impossibile abituarsi.

Lasciandoli all’aperto si corre il rischio che decidano di scappare per la paura, per cercare un rifugio per loro sicuro e rischiare di venir investiti. Tenendoli dentro, con le finestre chiuse, parte del rumore verrà attutito.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Il tuo cane ti vuole bene? l Ecco i segreti che non conosci

Facciamo in modo che gli spazi che loro ritengono sicuri siano a portata di zampa, probabilmente è il primo posto dove andranno a cercare riparo. Mettiamo magari la loro cuccia in una stanza che rimanga più appartata con un rumore di fondo che copra i botti.

Vediamo anche cosa succede loro quando cominciano questi rumori incomprensibili. Le luci e i rumori creano delle vere e proprie crisi di panico. Il battito cardiaco accelera, respirano con difficoltà e hanno tremori e ipersalivazione. C’è addirittura il rischio di un infarto.

La più forte delle raccomandazioni rimane comunque il rimanere accanto ai nostri amici. Nella speranza che quest’anno qualcosa cambi e si riesca a festeggiare la fine di un anno senza dover accogliere il nuovo mietendo vittime innocenti.