Coca-Cola si impegna in una sfida importante | Possiamo fidarci?

Le aziende che più inquinano con le loro bottiglie di plastica sono quelle produttrici di bevande gassate. Messe alle strette da studi che le vedono in cima al problema dell’inquinamento hanno promesso un cambio di rotta. Ma c’è da fidarsi?

L’inquinamento da plastica è quello che più preoccupa a livello mondiale. Il riciclo di quella già presenti non funziona come dovrebbe. La produzione di di nuove unità sembra un ingranaggio impossibile da fermare.

bottiglie plastica_14-3-22
Le bottiglie di plastica usa e getta sono un problema enorme per l’ambiente (foto pixabay)

Il materiale più inquinante trovato nei mari e nei terreni sono i mozziconi di sigaretta, ma a ruota seguono le bottiglie di plastica usa e getta. Parte della colpa è del consumatore incivile e ineducato, parte del problema di chi produce e parte di chi dovrebbe smaltire.

Sarebbe il caso che le aziende, sopratutto quelle di bevande, acqua compresa, decidessero di prendere finalmente in mano le redini del cambiamento. Più bottiglie in vetro, per esempio, più materiale riciclato.

Ovviamente utilizzare la plastica aiuta a mantenere bassi il prezzo del venduto, ma vale la pensa spendere qualche centesimo in meno a fronte di un disastro ambientale catastrofico sempre più vicino?

La Coca-Cola dichiara che utilizzerà meno bottiglie di plastica vergine, ma entro il 2030

cocacola_14-3-22
La Coca-Cola, per 4 anni di seguito, è risultata l’azienda più inquinante del mondo per quanto riguarda le bottiglie monouso (foto pixabay)

Ovviamente non ci si poteva aspettare che il cambiamento fosse più repentino no? Dopo esser stata l’azienda più inquinante degli ultimi 4 anni pare che qualcosa sia destinata a cambiare.

Nel 2020 l’azienda aveva già il 16 % della produzione totale diretta su packaging riutilizzabili. Questo con l’utilizzo di bottiglie in vetro con vuoto a rendere o bottiglie in PET ricaricabile. Lo sforzo però non è bastato a risollevarla agli occhi degli ambientalisti.

Così la Coca-Cola ha annunciato che entro il 2030 almeno il 25 % dei suoi prodotti verrà venduto in bottiglie riutilizzabili. Questo significa un aumento a quelli già nati utilizzando questa forma di pensiero.

bottiglie in vetro_14-3-22
La Coca-Cola si è impegnata a produrre il 15 di packaging riutilizzabile in più entro il 2030 (foto pixabay)

Quello della plastica monouso è infatti un problema enorme per il pianeta. Le discariche non riescono a smaltire la plastica che continua a venir riversata nell’ambiente o finisce in roghi illegali rilasciando nell’ambiente un’enorme quantità di sostanze tossiche.

La speranza è che altre aziende seguano l’esempio della Coca-Cola e il numero di plastica vergine prodotta giornalmente possa diminuire in modo significativo. Diversamente il pianeta, e noi con lui, saremmo davvero condannati.