Canone Rai: in arrivo la stangata in bolletta per gli italiani

Via il Canone Rai dalle bollette. Una buona notizia? Sembra proprio di no. È in arrivo una stangata per gli italiani: ecco tutti i dettagli

La notizia dell’eliminazione del Canone Rai dalle bollette della corrente ha colto tutti di sorpresa. In molti hanno preso bene questa notizia, convinti di una possibile riduzione o addirittura dell’eliminazione di questa tassa. In realtà non sarà così. Anzi, secondo alcune indiscrezioni, potrebbe addirittura esserci un notevole aumento. Considerando l’attuale situazione economica, sarebbe una pessima novità per gli italiani.

Canone Rai
Foto: web source

Ma andiamo con ordine: nel 2016, per combattere l’evasione del canone, il Governo Renzi decide di inserirlo direttamente nella bolletta della corrente elettrica. Grazie a questa decisione, l’importo è sceso di alcune decine di euro e la percentuale di evasione ha avuto un netto calo, soprattutto nel primo biennio. Eliminando il Canone Rai dalla bolletta c’è il rischio che si torni ad una situazione peggiore rispetto a quella che avevamo nel 2016.

Il Canone Rai aumenta fino a 300 euro?

L’ipotesi al momento non è confermata da nessuna fonte ufficiale ma, secondo quanto riportato da Punto Informatico, non sarebbe così remota: il Canone Rai potrebbe oscillare dagli attuali 90 euro fino ad un massimo di 300 euro ogni dodici mesi. Le associazioni di consumatori sono sul piede di guerra e minacciano proteste qualora questa ipotesi diventasse reale.

Rai
Foto: web source

L’ADUC (Associazione Utenti e Consumatori) afferma che “il Canone Rai è tra i più bassi d’Europa ma potrebbe essere abolito, come è già successo in altri paesi, attraverso dei fondi ricavati dalla fiscalità generale”. Le associazioni accusano il governo di non pensare agli interessi dei cittadini, preferendo condurre inutili battaglie propagandistiche. Ricordiamo che, nel lontano 1995, gli italiani hanno votato a favore di una Rai privatizzata attraverso un referendum.

Carlo Fuortes, amministratore delegato Rai, ha declinato ogni responsabilità, specificando che sarà il Parlamento a prendere una decisione: “La cosa più importante è che gli introiti derivati dal Canone Rai non diminuiscano”. La Rai incassa circa 1,72 miliardi di euro attraverso il canone. Nel nostro paese, i cittadini pagano 90 euro l’anno, in Germania l’importo sale a 220 euro, mentre in Gran Bretagna la cifra è di 185 euro ogni dodici mesi.