Arrivano 344 euro al mese per le mamme: a chi spetta il bonus e come ottenerlo

Con i bonus si vive meglio, lo sappiamo, soprattutto se sono economici. Il Governo ha pensato soprattutto alle mamme concedendo 344 euro sempre attraverso l’INPS.

Si tratta di un bonus maternità che è destinato a dare un sostegno economico alle neo-mamme: ecco come ottenerlo.

bonus
Foto Canva

Diventare mamma vuol dire affrontare una spesa consistente e per questo, tra le varie agevolazioni, il Governo ha introdotto l’assegno di maternità dei Comuni. Si tratta di una concessione del Comune ma prevista dall’Inps fil suo obiettivo è sostenere le donne che non hanno una maternità regolare e che rientrano in una fascia di reddito.

Bonus 344 per le neo-mamme: come ottenerlo? I requisiti

Questo bonus è concesso alle donne chetano partorito entro i sei mesi ma anche a chi adotta per un periodo di tempo di richiesta leggermente maggiore. Le condizioni per richiedere questo bonus ci sono e riguardano le coperture previdenziali. In pratica se una donna percepisce già denaro sotto altre agevolazioni non può richiederla. O comunque l’importo fissato annualmente non deve essere elevato.

Insomma un aiuto per tutte le mamma che non hanno diritto alla maternità in quanto sprovviste di lavoro, o semplicemente di una busta paga. Ma come ottenerlo?

bonus
Foto Canva

Questo bonus, o meglio un’agevolazione alla maternità, dura ben 5 mesi, come una maternità normale. L’importo oscilla tra i 348 euro e lo possono ottenere tutte le donne che non hanno altre agevolazioni e che hanno un Isee non superiore ai 17.747 euro. Insomma un aiuto per chi non ha lavoro e mette al mondo un figlio.

Possono fare domanda per questo assegno sia le cittadine italiane che quelle comunitarie ed extra-comunitarie in possesso di permesso di soggiorno a meno che siano residenti in Italia al momento della nascita del bambino. Questa domanda, a differenza delle altre, non va presentata tramite Caf o sul sito dell’INPS.

Per poter ottenere i 344 euro bisogno presentare la domanda al Comune di residenza che andrà ad analizzare ala effettiva presenza della nascita del bambino entro i 6 mesi. Nella domanda, che ogni Comune passerà all’INPS dovranno essere allegati i documenti di identità della mamma con codice fiscale, eventuale permesso di soggiorno, autocertificazione in cui si dichiara di non avere altri benefici e attestazione ISEE del 2022. Documenti non difficili da recuperare e che permettono di poter accedere al beneficio se si ha la possibilità di fare un bambino ma non si aveva un lavoro precedente che prevedesse il pagamento di maternità.

Impostazioni privacy