L’acqua di cottura di questo alimento è un’ottima base per tantissime ricette, scoprile tutte!

L’acqua di cottura si butta sempre. Non è proprio vero. Alcune si possono riutilizzare per preparare dei piatti che , grazie a loro, diventano molto più gustose. Vogliamo parlarvi dell’acqua di cottura di un alimento che vi stupirà.

Il gesto più naturale che compiamo in cucina è quello di scolare i cibi che abbiamo bollito e poi, una volta freddata, buttare via l’acqua di cottura. La guardiamo anche un po’ schifati, diciamola tutta, quando scende nel lavello colorata e con un odore un po’ strano.

acqua di cottura
Foto Freepik

A dirla tutta è una cosa che potremo tranquillamente evitare fare. In pochi, infatti, sanno che con l’acqua di cottura si possono preparare ricette, si possono innaffiare le piante, si possono addirittura fare dei pediluvi. Gli utilizzi sono davvero tanti.

Ogni acqua di cottura, ovviamente, ha delle prerogative date dall’alimento che si è cotto al suo interno, quindi ha anche una destinazione finale di utilizzo precisa. Basta però informarsi un po’ per capire come muoversi.

Abbiamo deciso di aiutarvi a capire come utilizzarne una in particolare, molto apprezzata in cucina. Sicuramente non ci avevate mai pensato, invece potete utilizzarla come preziosa alleata per le vostre ricette.

Acqua di cottura degli asparagi, utilizzala in questo modo

Depurativi, drenanti, ricchi di fibre e di sali minerali. Sono gli asparagi, un vegetale che conosciamo bene (ve ne abbiamo parlato in dicembre) grazie alle tante sue proprietà benefiche. Sono anche molto buoni, ovviamente.

usare acqua cottura asparagi
Foto Pixabay

Si cuociono in acqua bollente salata, per pochi minuti, quindi si mangiano semplicemente bolliti, conditi con olio e limone, oppure impiegati nelle ricette che preferiamo. Una volta cotti, buttiamo l’acqua di cottura. Male.

L’acqua di cottura degli asparagi, infatti, può essere facilmente riutilizzata in cucina. Durante la cottura questi vegetali disperdono nell’acqua una grande quantità di vitamine e minerali, che andremmo a perdere se decidessimo di gettarla via.

Il miglior utilizzo che si possa fare con quest’acqua è quello di prepararci un minestrone o del riso (quindi come brodo) o per cucinare al suo interno un buon piatto di pasta. Ovviamente il condimento dovrà essere a base di verdure per non stonare con il gusto che prenderà il cibo preparato.

Tisana detox acqua cottura
Foto Freepik

Un altro utilizzo è quello di impiegarla una bevanda detox e drenante. Filtriamo l’acqua di cottura e mettiamoci dentro qualche goccia di limone, poi decidiamo se berla fredda da frigo oppure scaldata al microonde. Ci aiuterà a sgonfiare la pancia e le gambe.

Una sola raccomandazione. Non esageriamo con il suo utilizzo se siamo ipersensibili ai vegetali che fanno parte della famiglia delle Liliacee, tra cui compaiono anche l’aglio, la cipolla lo scalogno e il porro.