La truffa dello yogurt, incredibile cosa è risultato dalle analisi. Vi stanno ingannando

Sei già al corrente della truffa dello yogurt? È davvero incredibile ciò che è stato scoperto, a quanto pare siamo stati ingannati fino ad oggi.

Lo yogurt è da sempre considerato un alimento estremamente benefico per la nostra salute, e in particolar modo per quella del nostro intestino. Non a caso tutti siamo a conoscenza del suo alto contenuto di probiotici.

yogurt
(Pixabay)

Nello specifico, l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha definito i probiotici come:

microrganismi vivi che, somministrati in quantità adeguata, apportano un beneficio alla salute dell’ospite.

Un’affermazione che lascia già intendere il loro enorme effetto depurativo e protettivo che va ad agire proprio sulla flora batterica. A tal proposito infatti, sono stati effettuati diversi studi scientifici che hanno dimostrato quanto gli yogurt siano realmente efficaci.

Le loro componenti nutritive agiscono in modo positivo soprattutto su alcuni disturbi come ad esempio quelli gastrointestinali, oppure quelli riguardanti il sistema immunitario. Tutto ciò ha fomentato enormemente il mercato tanto che ad oggi esistono moltissime varietà di questo prodotto.

La maggior parte vanta di avere effetti potenti e rigeneranti ma… sarà davvero così?

La verità sugli yogurt

Al giorno d’oggi, soprattutto nei supermercati, è possibile trovare una varietà di yogurt enorme. Ne esistono di ogni genere e gusto, e tutte le pubblicità professano di commercializzare prodotti estremamente benefici e vantaggiosi per la salute.

(Pixabay)

Ovviamente non è sempre vero. Purtroppo, per poter realmente attestare la veridicità di quanto scritto sulle confezioni dei prodotti, si dovrebbe analizzare ogni singolo vasetto. Questo perché innanzitutto va fatta una differenza sulla tipologia di batteri presenti all’interno dell’alimento, in quanto non tutti sono buoni ed efficaci allo stesso modo.

In secondo luogo invece, si dovrebbe misurare la loro concentrazione all’interno dello yogurt stesso, anche questo è un aspetto fondamentale purtroppo. Per avere tutte le risposte a questo dilemma è stato infatti condotto uno studio apposito.

I laboratori del gruppo Maurizi hanno analizzato alcuni campioni di yogurt per scoprire quanti fermenti lattici vi sono realmente all’interno, e qual è la stima di vita vera che hanno i batteri una volta che i vasetti vengono posizionati sugli scaffali.

I risultati della ricerca sui probiotici

I risultati della ricerca fatta sugli yogurt ha mostrato che la concentrazione dei batteri all’interno dell’alimento tende a diminuire con il passare dei giorni. Inizialmente si contano miliardi di microrganismi vivi, ma dopo qualche giorno questi diventano qualche centinaia di migliaia.

(Pixabay)

Superata la data di scadenza i batteri continuano progressivamente e diminuire. Questo significa che il modo migliore per riuscire ad assumere concretamente la giusta quantità di probiotici vivi, è quella di consumare l’alimento in una data il più possibile vicina a quella in cui è stato prodotto.

Ma dov’è quindi la truffa dello yogurt?

Beh… per le aziende non è obbligatorio inserire la data di produzione, per questo bisogna accontentarsi purtroppo di quella di scadenza. Ci sono confezioni datate a 28 giorni, altre addirittura a 40, e così capiamo bene che è quasi impossibile avere la certezza di acquistare un prodotto realmente fresco.