La pianta amica delle donne | Ecco come utilizzarla

Le medicine naturali da sempre accompagnano la vita dell’uomo. E della donna. Conosciamo insieme una pianta che viene definita “amica della donna” in quanto aiuta a curare diversi problemi che ci affliggono.

Nata in India intorno 5 mila anni fa, la medicina Ayurveda da sempre cerca di aiutare la salute delle persone con l’ausilio di piante officinali da proporre in sostituzione o da supporto alle medicine tradizionali.

medicina ayurveda_01-3-22
La medicina Ayurveda da 5 mila anni aiuta l’uomo a curarsi con le piante (foto pixabay)

Questa disciplina insegna che ogni tipo di aspetto della vita umana deve essere allineata, in modo che tutto possa funzionare al meglio. Quindi fisico, mente e spirito devono essere ben relazionati con l’ambiente che ci circonda.

Se questo non dovesse accadere, ecco che si presentano dei problemi che, inizialmente, possono essere curati centrando di nuovo la nostra vita in modo da ritrovare l’armonia, ma a lungo andare possono diventare problemi cronici.

L’Ayurveda si è rivelata molto efficace nella cura di diverse malattie. Asma, insonnia, mal di testa, irritabilità, psoriasi, coliti e intestino irritabile. Queste sono solo alcune delle patologie che sono state e sono tutt’ora trattate in modo efficace con l’aiuto delle piante.

Shavatari, la pianta miracolosa per la donna. In cosa può essere utileshavatari-asparago_01-3-22

La pianta Shavatari fa parte della famiglia degli asparagi ed è ritenuta la pianta amica della donna(foto pixabay)Pianta originaria dell’India, lo Shavatari è considerata una pianta eccellente per la risoluzione di alcuni problemi legati alle donne. Parente stretto dei comuni asparagi, aiuta nei problemi legati alla riproduzione e agli ormoni.

Mentre in origine si pensava che la medicina Ayurvedica non avesse nulla a che fare con la cura del corpo, ma che fosse utile solo come palliativo, da poco gli scienziati hanno scoperto in questa pianta la presenza di importanti componenti come i fitoestrogeni.

Questi sono delle sostanze biochimiche che hanno proprietà molto simili a quelle degli estrogeni. Sono quindi di particolare importanza, per esempio, durante il periodo della menopausa per alleviare i problemi che vi sono legati.

Shatavari radice_01-3-22
A scopo medicinale viene utilizzata la radice ridotta in polvere, ricca di principi attivi (foto improntaunika.it)

Dello Shavatari si utilizza principalmente la radice. In essa sono stati isolati degli importanti principi attivi tra cui: saponine stiroidee, alcaloidi policiclici, isoflavoni, polisaccaridi, mucillagini, zinco, manganese, magnesio.

Dagli studi effettuati in vitro e in vivo, risulta che questa pianta sia efficace contro disturbi femminili importanti. Per esempio aiuta ad aumentare fertilità e libido, regolarizza il ciclo mestruale e riduce i sintomi della menopausa, stimola la lattazione.

Lo Shavatari si può trovare in polvere e dev’essere miscelato con l’acqua. Il dosaggio consigliato è di due cucchiaini al giorno. È utile anche come clamante del sistema nervoso, come rimedio per la cattiva digestione e come antistress. Una pianta miracolosa.