Anche tu puoi avere il tuo giardino sostenibile in pochi passi

Giardino sostenibile. È difficile realizzarlo? Quali sono i criteri che si dovrebbero seguire? È necessario avere un pezzo di terreno grande? E in balcone si può fare qualcosa che assomigli ad un giardino? 

Avere un giardino che sia bello e anche sostenibile è uno dei desideri che molti italiani che posseggono un piccolo pezzo di terra adiacente alla propria casa hanno. A volte però non sanno come muoversi né da dove iniziare.

giardino sostenibile_1-4-22
Avere un giardino o un sostenibile è possibile e semplice (foto pixabay)

L’idea di un giardino sostenibile proviene da un’aumento della consapevolezza dei problemi legati all’ambiente che stanno schiacciando il nostro pianeta. È un passo molto importante verso un cambiamento che aiuti a salvare la nostra stessa esistenza.

Anche l’idea di spazi comunitari verdi che rispettino gli stessi standard sta aumentando. Spazi che vedano i cittadini vivere più a contatto con la natura, proprio come prevede il piano di forestazione urbana, con il suo obiettivo di piantumazione di 230mila alberi.

Ognuno però, nel suo piccolo, anche in balcone, può creare il suo personale giardino ecosostenibile. Utile al benessere spirituale di chi lo realizza e anche degli altri membri della famiglia. Vivere a contatto con il verde fa infatti bene all’umore e allontana l’ansia.

Come realizzare il proprio giardino ecosostenibile

biciclette fioriera_1-4-22
È possibile utilizzare diversi materiali per creare fioriere, comprese vecchie bici (foto pixabay)

Prima di tutto è bene scegliere che tipo di piante vogliamo avere. In giardino scegliamole che non necessitano di molta acqua in modo da non avere uno spreco eccessivo, inoltre scegliamo un tipo di verde che sia adatto al terreno e al clima, in modo da mantenerle.

Se siamo in balcone possiamo scegliere piante che necessitano di un po’ più di acqua e utilizzare un metodo di piantumazione verticale. In questo modo l’acqua che gettiamo alla prima pianta in alto, scenda e vada a bagnare anche le restanti, senza sprechi.

Oltre al terreno utilizziamo fioriere create con il riciclo. Su internet si trovano tantissime idee. Una di quelle che più mi piace è l’utilizzo di vecchi pneumatici o di ombrelli. Ma anche l’utilizzo di cassette di legno e, addirittura, di vecchie biciclette.

Creare il compost con i propri scarti alimentari e utilizzarlo per concimare. I pesticidi casalinghi con ingredienti naturali sono validi quanto quelli chimici, ma non sono dannosi. Ricordiamoci che per un giardino ecologico è importante riciclare, riutilizzare e ridurre.