Nudo e crudo è meglio: di che “cavolo” stiamo parlando?

Stagione invernale che si avvicina, ma orto che sa donare sempre ortaggi ricchi di nutrienti. Imparare dalla Natura e consumare seguendo le stagioni fa bene a noi e al Pianeta. Ecco cosa devi sapere al riguardo!

Di che cavolo stiamo parlando? Di cavolo nero o kale in inglese! Popolare in Toscana per essere uno degli ingredienti della ribollita e negli ultimi anni noto nel mondo salutista, il cavolo è protagonista di ricette crudiste ed è ritenuto un vero e proprio superfood!

Tipica foglia di Kale o cavolo nero
Tipica foglia di Kale o cavolo nero (Foto di Ville Mononen da Pixabay)

Facilmente reperibile e coltivabile anche in Italia, si tratta di una pianta robusta, che resiste anche a temperature ampiamente sotto lo zero! Si distingue per le sue foglie allungate e arricciate, dal colore verde scuro e, a differenza delle altre tipologie di cavolo, non forma una testa centrale.

Si consiglia, a chi può permetterselo, di piantarlo nel proprio orto. C’è chi é riuscito a mantenerlo “perenne” semplicemente utilizzando le foglie più esterne e eliminando la fioritura (NB: i suoi fiorellini gialli sono eduli e sono ottimi da gustare, oltre che per abbellire le insalate miste).

LEGGI ANCHE >>> I vostri figli non mangiano legumi? Ecco come fare

Quante vitamine e sali minerali!

Il cavolo nero è un concentrato vitamine (A, del gruppo B, C, E e K) e una fonte preziosa di sali minerali (ferro, calcio, potassio, magnesio tra i principali).

Inoltre, questo magico ortaggio contiene un basso contenuto di calorie, oltre a possedere notevoli proprietà antiossidanti, decongestionanti, diuretiche e depurative.
Grazie al forte contenuto di flavonoidi, è anche un potente antinfiammatorio.

Cavolo Nero
Cavolo Nero (Foto: maggiebeer.com)

Crudo è meglio!

Consumarlo crudo è l’ideale proprio per assimilarne meglio le proprietà.
Certo, il suo sapore é piuttosto deciso ma si presta bene ad arricchire insalate di stagione ed anche frullati.

Poche foglie raccolte fresche sono già sufficienti per arricchire le vostre ricette!

Per quel che concerne le insalate, è bene tagliare le foglie in modo molto sottile e “massaggiarle” con una emulsione di olio evo, succo di limone e sale. Il limone aiuta anche l’assorbimento del ferro contenuto nel cavolo nero.

LEGGI ANCHE >>> Fiori di zucchina: come coltivarle e preparare gustosissime ricette

Nei frullati può essere d’aiuto in caso di difficoltà nella digestione. Provatelo in combinazione di frutta stagionale molto zuccherina, come pere e mele molto mature oppure con kiwi e aggiunta di datteri morbidi. Oppure, acquistando da agricoltura naturale e a km utile, in abbinamento a banane o ananas.

E per finire una ricetta gustosa, veloce e bilanciata, adatta a tutte le stagioni!

Pesto di cavolo nero
Pesto di cavolo nero ottimo sugli spaghetti (Foto di RF._.studio da Pexels)

Pesto di cavolo nero
Ecco come preparare un pesto “raw” super veloce e super nutriente.

Ingredienti:
– 100 g di foglie di cavolo nero fresche
– 70 g di noci
– 4 cucchiai di olio di oliva pressato a freddo
– 1 spicchio d’aglio
– sale e pepe q.p.

Preparazione:
Mettere tutti gli ingredienti in un frullatore e frullare fino ad ottenere una salsa cremosa.
Prepare gli spaghetti (o la tipologia di pasta che più gradite), e condirli con il pesto di cavolo nero e servire.

Buone sperimentazioni nutrienti allora, perché, ricordiamocelo sempre, noi siamo quello che mangiamo.