I cani imparano le parole, proprio come noi | L’esperimento

Sapevate che i cani sono in grado di apprendere il linguaggio, proprio come fanno gli umani? Un esperimento ha testato questa loro capacità, con risultati sorprendenti!

Negli anni, molti scienziati si sono interrogati sulla capacità linguistiche degli altri animali. Numerose ricerche sono state condotte al fine di comprendere se e in che modo le specie processano le parole allo stesso modo delle persone.

cane
Cane (foto: Pixabay)

I cani sono da sempre considerati i migliori amici dell’uomo, ma non solo. Proprio come gli esseri umani, infatti, questi animali avrebbero la capacità di imparare le parole. Secondo uno studio, sarebbero appunto dotati di un’intelligenza linguistica che li rende unici rispetto alle altre specie.

La ricerca che dimostra questa loro capacità è stata condotta in Ungheria, in particolare dalla Eötvös Loránd University, attraverso un esperimento. I risultati sono stati inaspettati e hanno aperto la strada a nuovi studi sulla super-intelligenza di altri animali.

Il cervello dei cani, insomma, risponderebbe agli stimoli uditivi che sente arrivare dall’uomo (ovvero le parole). Lo studio ha quindi voluto approfondire, in sintesi, cosa succede nel loro cervello quando ci ascoltano parlare.

LEGGI ANCHE >>> Le tartarughe si parlano… anche prima della nascita! La scoperta

Lo studio sui cani

cane padrone
Cane e padrone (foto: Pixabay)

Per l’esperimento, gli scienziati ungheresi sono partiti dall’evidenza di come funziona il cervello umano: quando una persona riceve uno stimolo uditivo, viene elaborata la sua intonazione e la forza emotiva delle parole per poi decifrarne il significato.

Questo processo inizia in fasce. Prima di tutto, i bambini, dagli otto mesi di età, iniziano a individuare a tracciare gli schemi ricorrenti delle sillabe che formano le parole. In questo modo, già da piccini, gli umani sono in grado di distinguere il suono delle parole ancora prima di conoscerne il significato.

Per verificare questa capacità sui cani, l’esperimento ha utilizzato due test strumentali (EEG e risonanza magnetica) su esemplari addestrati dell’Unità Cinofila. Attraverso l’analisi di cosa succedeva al cervello dei cani nel momento in cui sentivano alcune parole pronunciate dagli addestratori, gli scienziati hanno ottenuto risultati sorprendenti.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Ecco i nomi più belli ed ecologici…per il vostro cane!

Anzitutto, hanno dimostrato che i cani sono capaci di capire quali sono le parole più frequentemente usate e quali le più rare. Inoltre, comprendono la differenza tra una parola completa e le sillabe della parola stessa.

Questo suggerisce che il cervello dei cani, almeno per quanto riguarda l’intelligenza linguistica, funziona proprio come quello degli esseri umani. Anche per loro, infatti, l’attività cerebrale si concentra nella corteccia uditiva quando ascoltano le parole complete.

L’unica differenza sta nel fatto che, mentre nell’uomo viene utilizzato l’emisfero sinistro, nei cani si attiva quello destro. Che incredibile scoperta!