Addio McDonald’s, dopo 32 anni il fast food più famoso al mondo vende tutto

Il fast food più amato al mondo ha deciso di vedere tutto! Dopo 32 anni di attività e lunghe battaglie possiamo dire addio al McDonald’s.

Il McDonald’s è un marchio iconico ormai in tutto il mondo, si tratta di uno dei fast food più amati sul Pianeta. È frequentato da chiunque, adulti e bambini, e ogni anno ci stupisce e regala milioni di novità e prodotti.

McDonald's
(Pixabay)

Per tanto tempo sono state combattute guerre contro quest’azienda in particolare poiché non in linea con i canoni di sostenibilità attualmente richiesti. Gli ambientalisti e gli animalisti si battono ogni giorno affinché il McDonald’s chiuda i battenti per sempre ed ora, a causa di altre motivazioni, questo desiderio sembra essersi trasformato in realtà.

Ci riferiamo in particolar modo agli stabilimenti presenti sul territorio russo, ben 850 locali, che la McDonald’s ha deciso di voler vendere. Stando alle dichiarazioni la compravendita dovrebbe essersi già conclusa e le attività presenti in Russia manterranno il marchio ma avranno un altro diverso proprietario al comando.

Questa decisione è stata davvero molto difficile da prendere ma tuttavia doverosa. Le motivazioni che vi sono alla base di tutto sono estremamente forti e la McDonald’s non poteva certamente agire diversamente da come ha fatto.

La McDonald’s ha deciso di lasciare la Russia

È tutto vero, gli stabilimenti della McDonald’s presenti in Russia avranno un altro proprietario. Questa drastica decisione è dovuta al conflitto che si sta consumando in quest’ultimo periodo in Ucraina.

(Pixabay)

A causa della crisi umanitaria che il Paese sta affrontando, il noto fast food ha dichiarato di non poter continuare poiché la situazione non è più sostenibile e va a scontrarsi con i valori dell’intera azienda.

Tutte le sedi presenti sul territorio russo non avranno più gli archetti gialli sulle proprie facciate, e avranno un nome, un logo e un menù differente. Solo il marchio resterà McDonald’s, tutto il resto andrà nelle mani di un qualcun altro.

Una situazione inconcepibile

Sì, è una situazione davvero inconcepibile quella che continua ad andare avanti tra Russia ed Ucraina. La scelta della McDonald’s a tal proposito è infatti assolutamente comprensibile, e non è certamente la sola ad avere pensato ed agito in questo modo.

(Pixabay)

Prima che lo facesse il fast food, anche altre note aziende hanno deciso di chiudere temporaneamente o definitivamente le loro attività sul territorio russo. Basti pensare a Starbucks, CocaCola, Pepsi, Netflix, Levi’s, Burberry, IkeaUnilever.

Tutti sono dello stesso pensiero: è impossibile ignorare quanto sta accadendo in quei territori ed è altrettanto impensabile mantenere i propri valori continuando ad operare in quel luogo.